Pagina iniziale (Vulva)

 Medicina 

Pagina iniziale  
 
 
Pagina iniziale » Medicina » Vulva


 

Vulva

Medicina  Vulnerario  Vulvare
20/04/2014

Dermatology (valga per tutti quello di Lynch e Edwards - Genital Dermatology del 1994) si affiancano, da qualche tempo una serie di utili atlanti della Dermo Edizioni (Dermatologia Genitale Maschile, 2001 - Atlante di Dermatologia della Vulva e del ...


TUMORI VULVARI BENIGNI
Tumori cistici
Le cisti della ghiandola di Bartolini ...

Il cancro vulvare è il cancro che inizia nella vulva, la parte al di fuori del sistema riproduttivo femminile che comprende le labbra e il clitoride. La vulva si apre nella vagina.

Distrofia vulvare [Ginecologia e ostetricia]
Definizione: alterazione della crescita e della struttura superficiale della pelle vulvare (Dr. Marcello Sergio)
Voci correlate: Agalattia Alopecia Amenorrea Amnios
Tutto sulla Neuropatia Diabetica ...

PRURITO INTIMO VULVARE
appunti del dott. Claudio Italiano
Molti dei quadri flogistici della vagina si associano a prurito vulvare e/o a perdite.

Vulva: parte esterna dell’apparato genitale femminile.
Vulvovaginite: infiammazione della vulva e della vagina.
[Indietro] ...

Vulva
Area genitale femminile che si estende tra il monte di Venere e l'ano. La vulva comprende il monte di Venere, le labbra, il clitoride e l'orifizio vaginale.

Vulva: Area genitale femminile esterna.
Vestibolo: Spazio posto tra le piccole labbra in cui si aprono la vagina e l'uretra.

Vulva
Con questo termine si indicano gli organi genitali femminili esternamente visibili: le grandi e piccole labbra, il clitoride e il vestibolo della vagina .

Vulva
Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.
disclaimer - privacy policy - credits ...

Vulva
La vulva è costituita dagli organi genitali esterni femminili, che comprendono le grandi labbra, le piccole labbra, il clitoride, piccole ghiandole chiamate ghiandole del Bartolini e l’accesso alla vagina.

VULVA
Insieme delle formazioni che costituiscono gli organi genitali esterni femminili. La v.

(Distrofie vulvari)
Il lichen sclerosus, una dermatosi la cui eziologia è sconosciuta, è caratterizzato da assottigliamento epiteliale, edema e fibrosi del derma e restringimento della rima labiale.

Il prurito vulvare
Riguarda la zona genitale femminile. La causa più frequente è una vulvovaginite, di origine prevalentemente micotica, cioè causata da un fungo.

Il tessuto vulvare può anche non apparire infiammato o gonfio, anzi, nella maggior parte dei casi la vulva ha un aspetto normale.
Quando chiamare il medico ...

I tumori della vulva e della cervice nelle donne più giovani sono spesso correlati all'infezione da papillomavirus umano ( HPV ).

visivo : visivo
vitreo : vitreo
volontario : volontario
vomito : vomito
vulvare : relativo alla vulva (organi genitali femminili)
vulvovaginite : infiammazione della vulva e della vagina ...

affezione della vulva con forte prurito e atrofia dei tegumenti
CRIOTERAPIA
terapia basata sull'applicazione di basse temperature ...

Vulviti La vulva è la parte più esterna dei genitali, il processo infiammatorio può essere in relazione anche ad infiammazioni a carico della vagina.

Candida albicansspecie di funghi presenti sulla cute e nella flora alimentare che può scatenare gravi patologie, anche della vagina e della vulva.

Sono le ghiandole vestibolari maggiori indovate, una per lato, nella parte posteriore della vulva. Il loro condotto sbocca nel solco tra le piccole labbra e l'iméne.
Bartholin Caspar (1655-1738).

Raramente il tumore insorge a carico della mucosa orale, vulva e pene.
II. Etiologia. L’esposizione solare e soprattutto la terapia PUVA sono considerati fattori di rischio, ma anche il danno da raggi infrarossi è stato chiamato in causa.

Colpiscono sia l'uomo, con tipica localizzazione sul glande, sul solco balano-prepuziale, sul meato uretrale e lungo il frenulo e l'asta del pene, che la donna, dove interessano frequentemente la vulva, ...

feto deve procedere attraverso un canale muscolo-elastico (canale del parto), costituito dal segmento inferiore dell’ utero (che corrisponde all’istmo dell’utero non gravido), dal collo dell’utero, dalla vagina e dalla vulva.

Alcuni sierotipi (soprattutto il 16 e il 18) sono associati con cancro cervicale, vulvare, penieno, perianale e anale; altri (sierotipi 6 e 11) con il carcinoma verrucoso della vulva e del pene e con i tumori di Buschke e Lowenstein; ...

fastidio vulvare(1)
Fattore V di Leiden(1)
febbre ricorrente (1)
Fecondazione assistita(7)
fertilità(3)
Fibroadenoma(1)
fibroadenoma e formazioni cistiche (1)
fibroadenoma calcifico(1)
fibroadenoma dx (1)
fibroadenoma ed allattamento(1) ...

La vulvovaginite è l'infiammazione della parte esterna dei genitali (vulva), soprattutto grandi e piccole labbra, e del primo tratto della zona interna (vagina).

I sintomi: il primo è una macula rosea (sifiloma primario) sui genitali (solco prepuziale del pene, nelle donne nella vulva vaginale indolente, con un margine definito. In parallelo c’è tumefazione indolore dei linfonodi inguinali.

Condilomi: i condilomi presenti nella vulva, vagina e ano possono essere asportati dal medico con diversi metodi quali la crioterapia, l'elettrocauterizzazione, la laserterapia o la rimozione chirurgica.

L'indicazione principale della TOS rimangono i sintomi vasomotori importanti e gli estrogeni con o senza progestinici restano il trattamento più efficace; gli estrogeni sono anche i più efficaci per l'atrofia vulvare e vaginale, ...

La vulvodinia è un dolore vulvare cronico la cui causa risulta essere sconosciuta. Il dolore interessa la zona circostante il vestibolo (apertura vaginale).

Più di 40 tipi interessano l'epitelio anogenitale (cervice uterina, vagina, vulva, retto, uretra, ano, pene), e alcuni fra questi sono definiti Hpv ad alto rischio: sono quelli collegati all'insorgenza di vari tipi di tumori, ...

Vulvovaginite:
infiammazione della vulva e della vagina. Di solito questa forma è dovuta a candidosi o tricomoniasi, che causano abbondanti secrezioni vaginali infette estesi anche alla vulva
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ...

diabetica, in soggetti nei quali il diabete abbia condizionato una precoce arteriosclerosi generalizzata; gangrena giovanile, provocata dal morbo di Bürger; gangrena infantile, che si sviluppa primitivamente a carico della bocca, della vulva, ...

craurosi: affezione della vulva con forte prurito e atrofia dei tegumenti

creatinina: sostanza prodotta dai muscoli ed eliminata dai reni nelle urine; la sua quantità nel sangue aumenta se il rene non funziona correttamente ...

La forma acuta si manifesta in modo caratteristico con prurito vulvare, spesso associato a bruciore, infiammazione, e perdite non maleodoranti dal tipico aspetto ''a latte cagliato''.

indagine diagnostica di II° livello che consiste nel visionare a forte ingrandimento i genitali femminili (vulva, perineo,
canale che si estende dalla vulva alla cervice uterina (vedi L'apparato genitale femminile: capire bene come si è fatti) ...

Cause ginecologiche: come conseguenza di prurito vulvare che si estende posteriormente all'ano, associato per lo più a leucorrea, soprattutto sostenuta da Trichonomas.
Cause sistemiche: diabete, nefropatie croniche, epatopatie, emopatie.

Piccole labbra: Pieghe di tessuto più interne della vulva.
Pillola del giorno dopo: Pillola di composizione ormonale che impedisce l'annidarsi di un embrione eventualmente concepito. Oggi si utilizza una pillola a base di ...

I sintomi sono prurito, irritazione e tumefazione della zona vulvare, perdite dense di colore bianco e dolore durante i rapporti sessuali. Gli uomini presentano infiammazione del glande e del prepuzio.
Le norme igieniche da adottare ...

Nella donna sono: vulva, vagina, cervice uterina.
Le lesioni sono piccole vescicole che rapidamente si rompono e che creano bruciore ed arrossamento della parte.

Vaginismo - Disturbo sessuale che consiste in una contrazione riflessa e involontaria dei muscoli del perineo, della vulva e dell'orifizio vaginale tale da impedire la penetrazione durante il coito e spesso anche durante l'esame ginecologico.

5. Genitourinari non vescica prostata: vagina, vulva, utero, paratesticolo.
6. Arti (includendo la scapola, superiormente, ed i glutei, inferiormente).

Il parto deve essere effettuato nella posizione preferita dalla donna. L'area vulvare deve essere...
Parto vaginale dopo taglio cesareo
CRITERI DI ESCLUSIONE:
1. Fallita induzione;
2. Viziatura pelvica; ...

Ghiandole di Bartolino - piccole ghiandole situate sotto la pelle della vulva, in prossimità dell' ingresso vaginale, e che producono parte del liquido lubrificante presente nella fase di eccitamento sessuale.

E' inoltre opportuno ricercare attentamente altre possibili localizzazioni delle lesioni su glande e prepuzio nell'uomo e su vulva, vagina ed esocervice nella donna.

I condilomi infettano sia l'apparato genitale maschile (glande, scroto e pene) che quello femminile (vulva, vagina e collo dell'utero).

unghie, che supera il limite del polpastrello; la buona definizione del grasso sottocutaneo; la discesa dei testicoli nello scroto nel maschio, nelle femmine le grandi labbra, che vanno a coprire le piccole labbra e definiscono il profilo vulvare.

Vedi anche: Vedi anche: Vagina, Terapia, Nei, Diagnosi, Trattamento

Medicina  Vulnerario  Vulvare
20/04/2014

 
RSS Mobile